Dynamo per Revit, le novità 2024 della release 2.19

La copertina dell'articolo sulle novità 2024 introdotte da Dynamo 2.19

Dynamo per Revit offre una vasta gamma di potenti strumenti per architetti, in grado di automatizzare processi, migliorare l’efficienza e spingere i limiti della progettazione. In questo articolo, esploreremo come sfruttare al meglio le capacità di Dynamo per ottimizzare i progetti in Revit e le principali novità 2024 del tool, soprattutto considerando gli aggiornamenti dalla versione 2.13 alla 2.19.

Le novità di Dynamo 2.19

Già moltissime funzionalità furono introdotte in Dynamo nel passaggio dalla versione 0.9.1 alla versione 1.0.0. L’update dalla versione 2.12 (Revit 2022) alla 2.13 (Revit 2023) ne ha apportate altre.

Attualmente la release più aggiornata di Revit 2024 è la versione 2.19. Ecco, quindi, tutte le principali novità, secondo noi di ADHOX, introdotte nella versione attuale.

Ovviamente, per approfondire tutti i changelog delle release precedenti, si rimanda al blog ufficiale del software.

Aggiornamento e modernizzazione visiva

Cominciamo con la modifica più evidente, quella che salta subito all’occhio, ovvero il restyling del software. Il tema di Dynamo 2.19 passa al grigio scuro, allineandosi alle linee guida dell’interfaccia umana di Autodesk, che modernizzano l’aspetto grafico e apportano anche coesione con l’applicazione host preferita dall’utente.

I colori evidenziati attirano l’attenzione su elementi importanti come le modalità di esecuzione o le notifiche.
I paesaggi nodali vengono migliorati attraverso la forma, il colore e l’accesso visivo ai menu contestuali.

Un nuovissimo design dei nodi, a tema scuro in linea con l’interfaccia utente, si concentra sulla comparsa di opzioni nascoste. Ciò si ottiene attraverso l’introduzione di menu contestuali cliccabili con il tasto sinistro, per integrare l’accesso mantenuto con il tasto destro, distinguendo visivamente gli stati delle porte, rinnovando il fumetto di anteprima, i suggerimenti e aggiungendo icone all’intestazione del nodo.

aggiornamento visivo interfaccia utente di Dynamo 2.19

Miglioramento nell’esperienza di creazione degli Script

Oltre a far emergere maggiori informazioni in modo più coeso, è stata migliorata complessivamente l’esperienza di creazione di grafici di Dynamo. È consentito appuntare note sui nodi, appuntare cavi e posizionare nodi di controllo lungo di essi, o semplicemente passare il mouse per controllare i dati che fluiscono attraverso quel cavo.

Grazie a queste migliorie si ha accesso a una comprensione e un controllo più granulari delle informazioni del grafico.

Una serie originale di nuovi paradigmi di selezione dei cavi consente di navigare più rapidamente nelle parti salienti del grafico, o di nascondere i cavi che non si desidera vedere.
Massicci aggiornamenti all’esperienza del Gruppo consentono nuovi campi di descrizione insieme con nomi, la possibilità di trascinare i nodi in gruppi, per un’esperienza di creazione più utile, aggiungere gruppi all’interno di gruppi, per facilitare una migliore organizzazione dei grafici (Groupception), e, ultimo ma non meno importante, la capacità di comprimere i gruppi per ridare spazio sullo schermo. Ciò permette di nascondere funzionalità che non sono rilevanti per il livello del grafico primario e trattare tutti i loro contenuti come nodi giganti con le porte dei nodi contenuti che emergono come input e output.

La nuova gestione dei nodi in Dynamo 2.19

Gestione nodi nel nuovo Dynamo 2.19

Un’esperienza di pacchetto modernizzata

L’esperienza di consumo e quella di creazione dei pacchetti è più moderna, portando la loro estetica al nuovo standard e aggiungendo più chiarezza e informazioni in entrambi. L’aggiunta di un controllo più granulare alle funzionalità di gestione dei pacchetti consente di controllare cosa caricare, quando e da dove, con molta più regolamentazione rispetto a prima.

La gestione dei pacchetti in Dynamo 2.19

Miglioramento della ricerca dei nodi

La funzionalità di ricerca di nodi e pacchetti è migliorata. Ora è più semplice trovare i nodi e i pacchetti di cui hai bisogno.

Molti utenti in passato hanno segnalato difficoltà con le funzioni di  ricerca in Dynamo.
Nelle versioni precedenti, i risultati della ricerca potevano essere ordinati in base a descrizioni, nomi di libreria e altri attributi meno rilevanti, invece che per nome del nodo. A volte, nessuno dei risultati sembrava pertinente a ciò che si era digitato.
La nuova ricerca è stata adeguatamente rivista per garantire di avere molte più probabilità di ottenere i risultati attesi: quel nodo aveva un punto nel suo nome? Forse uno spazio? O erano entrambe le cose?
Adesso è molto più probabile che la ricerca visualizzi il nodo desiderato indipendentemente dal fatto che venga utilizzato un punto, uno spazio o nessuno spazio nel nome dello stesso.

La nuova ricerca introduce anche la tolleranza agli errori di battitura. Ciò significa che, anche in caso di errori di digitazione, l’algoritmo di ricerca mostrerà comunque risultati pertinenti.

La ricerca migliorata è disponibile ovunque ti serva: nella libreria dei nodi, nella ricerca nell’area di disegno, nel completamento automatico dei nodi e nella ricerca dei pacchetti.

Completamento Automatico dei nodi

Una delle funzionalità introdotte già nella versione 2.12 è l’interfaccia utente di completamento automatico di Node. Questa feature, che dà respiro ai contenuti, persiste finché non viene intrapresa un’azione e contiene un collegamento a ulteriore documentazione su come funziona il completamento automatico di Node.
Questo comando è una sorta di guida rapida che spiega come accedervi, come funziona il meccanismo di classificazione e come funziona il meccanismo di layout automatico, potenziando l’intera esperienza.

Davvero interessante!

Per completare questo nuovo ed elegante strumento di facilitazione, il completamento automatico del nodo ha un nuovo meccanismo di attivazione del doppio clic con il pulsante sinistro del mouse su una porta del nodo e persiste finché non si intraprende un’azione specifica. Più facile, più accessibile, più naturale.

Il completamento automatico dei nodi in Dynamo 2.19

Nodi Forge

Dynamo presenta un aggiornamento significativo con l’introduzione di 25 nuovi nodi alla Libreria e l’implementazione dei nodi Unità, basati su Forge Unit SDK.

Questi nodi permettono operazioni avanzate come l’analisi di espressioni matematiche di input di stringhe e la gestione di flussi multi-nodali complessi.

Inoltre, la Libreria Geometry vede l’aggiunta del nodo PolyCurve.ByGroupedCurves, semplificando l’unione di curve anche quando queste sono disordinate.
Un ringraziamento speciale va a Konrad Sobon e agli altri sviluppatori che hanno lavorato a questa espansione.

Siamo curiosi di vedere come questi miglioramenti renderanno più efficiente il lavoro con Dynamo.

La rappresentazione di Nodi Forge in Dynamo 2.19

Tracciamento dei pacchetti

Se i nodi dei pacchetti tendono a perdersi nelle complessità dei grafici, la versione Dynamo 2.19 introduce TRE nuovi modi per identificare i nodi che hanno origine da pacchetti.

Prima di tutto, sono stati aggiunti nodi del pacchetto all’amata funzionalità degli stati di zoom.

Ricapitolando, gli stati di zoom vengono attivati ​​quando si esegue sufficiente zoom indietro nell’area di lavoro, facendo sì che i nodi in determinati stati cambino colore e visualizzino un’icona.

Ora puoi identificare i nodi di un pacchetto dal colore viola [ 1 ] e dall’icona del pacchetto [ 2 ] quando ingranditi.
Inoltre, i nodi dei pacchetti presentano sempre un piccolo triangolo grigio [ 3 ] nell’angolo in basso a sinistra, differenziandoli dai nodi pronti all’uso, indipendentemente dal livello di zoom.

Come avviene il tracciamento dei pacchetti in Dynamo 2.19

Schermata che mostra il nuovo tracciamento dei pacchetti in Dynamo 2.19Python

Da Dynamo 2.13 in poi, l’esperienza Python predefinita sarà CPython3. Questo perchè IronPython2 (il vecchio motore predefinito), non più aggiornato dal team Iron Languages, è stato rimosso. Ciò implica che non ci saranno più patch di sicurezza.
Si potrà comunque accedere a IronPython2 tramite il Gestore pacchetti: semplicemente scaricando DynamoIronPython2.7.

Ci sono alcuni cambiamenti fondamentali tra le versioni Python 2 e 3. Usando Python 3 sarà possibile accedere a un sacco di nuove librerie, come Pandas, Numpy, Tensorflow e molte altre.

Nativamente, consigliamo di lavorare in CPython3 ove possibile, poiché questa è la versione Python che sarà mantenuta per il prossimo futuro.
Va tenuto presente che ci sono differenze nell’implementazione: IronPython2 viveva nel territorio .NET (la “lingua” di Revit) e CPython3 è puro Python.

Ciò significa che non esiste parità tra i due motori Python e non tutto il codice verrà migrato.

Se si volesse capire perché di questa decisione di cambiamento, vi invitiamo a leggere l’articolo sulla pagina ufficiale di Dynamo.

La versione 2.19 introduce ulteriori miglioramenti all’esperienza dell’editor Python, a partire da un nuovo modo di modificare lo script in Dynamo.

Dopo aver posizionato un nodo Script Python, è possibile fare doppio clic per aprire l’editor. Quindi, facendo clic sul pulsante è possibile ancorare l’editor alla barra laterale destra.
Lì si può accedere a tutti i consueti strumenti dell’editor, senza ostruire l’area di lavoro.

Se si rinomina il nodo Python Script, anche il nome dell’editor della barra laterale cambierà in tempo reale, aiutando a tenere traccia di più nodi/schede.

La gestione dello script Python in Dynamo 2.19

Queste sono le principali novità, le avete provate? Fateci sapere!